CORSO PRECONGRESSUALE 3

La tele-riabilitazione domiciliare per il condizionamento motorio: strumenti, metodi e applicazioni

INFO ECM:

Provider: Centro Congressi Internazionale srl – ID 3926
Evento n. 199454
Area tecnico-professionale:
Obiettivo formativo n. 29: Innovazione tecnologica: valutazione, miglioramento dei processi di gestione delle tecnologie biomediche e dei dispositivi medici. Health technology assessment.

Sono previsti n. 4 crediti ECM per n. 4 ore formative

Professioni e discipline accreditate:

  • Medico chirurgo – tutte le discipline;
  • Fisioterapista
  • Tecnico di neuro fisiopatologia
  • Tecnico Ortopedico
  • Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico
  • Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’età evolutiva
  • Tecnico della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro
  • Terapista Occupazionale
  • Psicologo – tutte le discipline
  • Assistente Sanitario
  • Infermiere
  • Infermiere Pediatrico
  • Podologo

ORGANIZZATORI:

Andrea Cereatti, Università di Sassari e Politecnico di Torino
Alberto Borghese, Università di Milano

RAZIONALE SCIENTIFICO:

La tele-medicina è storicamente intesa come l’uso di mezzi di comunicazione per fornire servizi di assistenza sanitaria a distanza con una separazione fisica fra paziente e team medico. Negli ultimi anni, grazie all’avanzamento nel campo della sensoristica, delle infrastrutture e delle tecnologie per la telecomunicazione e alla sempre maggiore alfabetizzazione informatica della società moderna, la tele-riabilitazione sta diventando un’opzione concreta da considerare quale mezzo efficace per l’erogazione di trattamenti riabilitativi a distanza per il recupero neuro-motorio in pazienti affetti da diverse patologie a carico del sistema neuro-muscolare. Interventi di tele-riabilitazione permettono di erogare livelli di assistenza con differenti livelli di intensità e complessità, in ambienti domiciliari e/o non specializzati. Vantaggi evidenti legati ad un approccio di questo tipo sono la possibilità di garantire la continuità assistenziale da parte del team riabilitativo, la possibilità di erogare il servizio riabilitativo in aree geografiche a bassa densità abitativa, la possibilità di aiutare i familiari ed i caregivers ad assistere il paziente. Protocolli per la tele-riabilitazione neuromotoria hanno un grande potenziale ma il loro pieno e completo sviluppo applicativo richiede di superare problematiche legata alla ridotta flessibilità delle tecnologie per l’acquisizione ed elaborazione dei dati biologici e la generazione di feedback, alla copertura del territorio con servizi di banda larga e infine la mancanza di evidenze quantitative di tipo economico sull’efficacia di trattamenti alternativi.

PROGRAMMA DETTAGLIATO DEL CORSO:

1) “Strumenti e metodi per la registrazione dei segnali di movimento fuori dal Laboratorio”
Docente: Andrea Cereatti
2) “La teleriabilitazione: aspetti progettuali, tecnologici e infrastrutturali”
Docente: Danilo Pani
3) “L’esperienza del progetto REWIRE per la riabilitazione autonoma a casa basata su exer-game”
Docente: Alberto Borghese
4) “Gli exergame e la teleriabilitazione domiciliare: razionale ed efficacia nel paziente con danno neurologico”
Docente: Erika Giannotti
5) “La continuità di cura in neuroriabiltazione: i risultati dei progetti ABILITY ed HEAD per la definizione di un modello efficace e sostenibile”
Docente: Francesca Baglio

DOCENTI:

In ordine alfabetico:
- Francesca Baglio, Fondazione Don Gnocchi
- Alberto Borghese, Università degli Studi di Milano
- Andrea Cereatti, Università degli Studi di Sassari
- Erika Giannotti, Università degli Studi di Padova, Ospedale Sol et Salus Torre Pedrera
- Danilo Pani, Università degli Studi di Cagliari

ISCRIVITI