CORSO PRECONGRESSUALE 1

Nuove evidenze per l’acquisizione ed interpretazione del segnale EMG: dal bipolare al multicanale e ritorno

 

INFO ECM:

Provider: Centro Congressi Internazionale srl – ID 3926
Evento N. Evento n. 199450
Area tecnico-professionale:
Obiettivo formativo n. 29: Innovazione tecnologica: valutazione, miglioramento dei processi di gestione delle tecnologie biomediche e dei dispositivi medici. Health technology assessment.

Sono previsti n. 4 crediti ECM per n. 4 ore formative

Professioni e discipline accreditate:

  • Medico chirurgo – tutte le discipline;
  • Fisioterapista
  • Tecnico di neuro fisiopatologia
  • Tecnico Ortopedico
  • Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico
  • Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’età evolutiva
  • Tecnico della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro
  • Terapista Occupazionale
  • Psicologo – tutte le discipline
  • Assistente Sanitario
  • Infermiere
  • Infermiere Pediatrico
  • Podologo

 

ORGANIZZATORI:

Alberto Botter, Politecnico di Torino
Taian Vieira, Politecnico di Torino
Isabella Campanini, AUSL di Reggio Emilia
Andrea Merlo, Università of Modena and Reggio Emilia

RAZIONALE SCIENTIFICO:

Il segnale elettromiografico di superficie (sEMG) è utilizzato in clinica per completare la valutazione clinica in risposta a quesiti specifici, quando necessario. Ciò permette di ottimizzare le scelte riabilitative, in un’ottica di appropriatezza. Il segnale sEMG è tra i segnali elettrofisiologici di più semplice registrazione, tuttavia la sua analisi ed interpretazione non è altrettanto banale. Spesso, infatti, la semplicità di accesso al segnale associata alla difficoltà di definire linee guida chiare ed accettate per la sua acquisizione e interpretazione contribuiscono a generare confusione nell’utilizzatore. Le caratteristiche degli elettrodi, il loro posizionamento e le modalità di analisi possono influire sull’outcome dell’indagine clinica. Vent’anni fa uno sforzo collettivo tra i centri di ricerca europei nel settore fu alla base della nascita delle linee guida SENIAM per il posizionamento degli elettrodi nella sEMG bipolare che, ad oggi, sono uno dei principali riferimenti per le modalità di acquisizione del segnale sEMG nei progetti di ricerca. In parallelo nei laboratori clinici italiani si è diffuso, grazie al contributo della SIAMOC, il protocollo di posizionamento a minor crosstalk, che considera clinicamente più rilevante la certezza della sorgente del segnale rispetto all’ampiezza dello stesso.
Al progetto SENIAM corrispose, o seguì di poco, l’affermarsi dell’elettromiografia multicanale che contribuì a dare impulso all’evoluzione della tecnica EMG e dei metodi di analisi ad essa associati, permettendo un salto di conoscenza nell’interpretazione elettrofisiologica del segnale. Queste nuove conoscenze sono ora alla base di diversi progetti di ricerca riguardanti la robotica, la protesica, la neurofisiologia e l’analisi del movimento e possono avere una rilevante ricaduta sull’aggiornamento delle linee guida per l’acquisizione e l’interpretazione dei segnali EMG bipolari attualmente utilizzati in ambito clinico.
Durante questo corso saranno esplorate le due linee di sviluppo dell’EMG di superficie degli ultimi vent’anni, con una sintesi finale volta a sommare i benefici delle due esperienze. Saranno discussi aspetti metodologici relativi all’acquisizione del segnale EMG bipolare ed il loro effetto sull’interpretazione del segnale. Verranno illustrati gli usi in clinica dell’EMG bipolare ed il suo contributo all’appropriatezza nel piano riabilitativo. Verranno quindi presentate le tecniche di acquisizione EMG multicanale e le loro applicazioni. Particolare enfasi sarà posta sulle ricadute che le conoscenze e le innovazioni tecnologiche associate all’EMG multicanale possono avere sulle modalità di acquisizione e sull’interpretazione dell’EMG di superficie acquisito in clinica con coppie di elettrodi. In parallelo alle lezioni verrà predisposta una postazione in cui sarà possibile dimostrare sperimentalmente alcuni dei concetti descritti durante la lezione.

PROGRAMMA DETTAGLIATO DEL CORSO:

1) “sEMG: stato dell’arte sull’acquisizione bipolare, sulle applicazioni cliniche e di ricerca in riabilitazione”
Docente: Andrea Merlo e Isabella Campanini
2) “In che modo le schiere di elettrodi ci aiutano nell’interpretazione del segnale EMG di superficie”
Docente: Alberto Botter
3) “In che modo le griglie bidimensionali di elettrodi ci aiutano nell’interpretazione del segnale EMG di superficie”
Docente: Taian Vieira
4) “Registrazioni EMG multicanale e non: verso lo sviluppo di strumenti user-friendly”
Docente: Luigi Giacinto Cerone
5) “Qual è il possibile contributo del EMG multicanale alle valutazioni cliniche?”
Docenti: Botter A, Campanini I, Cerone G, Gazzoni M, Merlo A, Viera T

DOCENTI:

In ordine alfabetico:
- Alberto Botter: LISiN - Politecnico di Torino.
- Isabella Campanini: LAM - Motion Analysis Laboratory, Rehabilitation Dept., AUSL Reggio Emilia, Correggio; Dept. of Biomedical, Metabolic and Neural Sciences, University of Modena end Reggio Emilia.
- Giacinto Luigi Cerone: LISiN - Politecnico di Torino.
- Marco Gazzoni: LISiN - Politecnico di Torino.
- Andrea Merlo: LAM - Motion Analysis Laboratory, Rehabilitation Dept., AUSL Reggio Emilia, Correggio.
- Taian Vieira: LISiN - Politecnico di Torino.

ISCRIVITI